Le ragioni di un decentramento mancato.

Schermata 2014-04-01 a 15.39.02

Incontro con i consiglieri della V Circoscrizione – Borgo Nuovo – Uditore Passo di Rigano – Noce – Zisa

 

Insieme ai consiglieri della V Circoscrizione si è riflettuto sullo stato di attuazione del decentramento in città, sui vincoli che ne impediscono un reale sviluppo e sui vantaggi che potrebbe avere sulle politiche di governo della città.

Tra gli interventi che si sono avvicendati alcuni hanno sottolineato il ruolo frenante svolto dal consiglio comunale rispetto all’attuazione di un reale decentramento. Nonostante lo stesso regolamento comunale preveda la cessione di deleghe alle circoscrizioni, nonché la gestione di un capitolato di spesa, di fatto nessuno di questi provvedimenti viene mai attuato.

Secondo alcuni dei presenti la ragione è la mancanza di una reale volontà politica e dello stato di “crisi” dei rapporti tra amministrazione comunale e circoscrizioni.

A questo proposito secondo alcuni dei presenti è importante distinguere tra un decentramento amministrativo, in parte già attuato e funzionante, e un decentramento politico, ancora da realizzare.

I consiglieri concordano inoltre che diverse sono le azioni che le circoscrizioni potrebbero svolgere per migliorare il governo del territorio:

 

– attraverso la concessione di deleghe “a costo zero” sarebbe possibile rispondere in maniera più diretta ad emergenze sul territorio;

 

– sarebbe possibile effettuare un controllo più diretto sugli interventi delle municipalizzate, di manutenzione, cantieri, etc. sul territorio della circoscrizione;

 

– si potrebbero svolgere attività di programmazione efficace (manutenzione strade, potatura, etc) in collaborazione coi vari assessorati, in modo da mettere a frutto le conoscenze approfondite che le circoscrizioni hanno del proprio territorio;

 

– con l’assegnazione di squadre di pronto intervento sarebbe possibile rispondere in modo più rapido ed efficace alle emergenze che si presentano di volta in volta.

 

Le proposte in merito al decentramento sono dunque diverse, ciò di cui c’è bisogno è una reale volontà di attuare un decentramento non solo amministrativo ma anche politico.

Le delibere delle Circoscrizioni dovrebbero avere esecutività immediata

Schermata 2014-03-26 a 09.09.36

Incontro con Fabio Teresi – Presidente V Circoscrizione – Borgo Nuovo – Uditore Passo di Rigano – Noce – Zisa.

Il presidente della V Circoscrizione Fabio Teresi ritiene che la circoscrizione svolga un ruolo importantissimo di front office nell’ascolto delle esigenze dei cittadini del territorio che nel caso della V presenta bisogni ed esigenze piuttosto variegati.

Da un punto di vista politico però le possibilità di intervento delle circoscrizioni sono molto limitate: le delibere di consiglio non hanno infatti nessun potere esecutivo, dunque spesso si perdono nel nulla. Se invece avessero esecutività immediata, le circoscrizioni non sarebbero più meri segnalatori di problemi ma potrebbero svolgere una vera e propria funzione di programmazione e orientamento degli interventi sul territorio.

Del resto sono gli organi amministrativi che più di altri conoscono le esigenze del territorio quindi avrebbero tutte le conoscenze e competenze necessarie. Potrebbero dunque fornire indicazioni utili alla programmazione degli interventi di potatura, manutenzione, etc.