Un progetto di ampio respiro per le pedonalizzazioni a Palermo

IMG_4407Giulio e Francesca gestiscono lo spaccio Bio di via Cassari in Vucciria e da pochi giorni si sono spostati a piazza Fonderia soprattutto per ragioni di spazio del locale ma anche per problemi di mobilità.

La posizione in cui si trovavano prima era secondo loro particolarmente difficile per quanto riguarda le possibilità di accesso degli avventori, sia perché via chiavettiieri è l’unica via di accesso, sia perché con la chiusura di piazza San Domenico tutta la viabilità dell’area è stata stravolta.

Per quanto riguarda le pedonalizzazioni ritengono che in generale siano degli interventi positivi per la vivibilità degli spazi urbani, purché vengano fatte secondo un progetto di ampio respiro che tengano in considerazione sia la dimensione della vibilità che gli aspetti psicologici e culturali dei cittadini che vi si devono abituare. Ad esempio prima di pedonalizzare dovrebbero essere favorite misure di disincentivo dell’auto in modo da aumentare la domanda di pedonalità dei cittadini.

Inoltre delle aree pedonali dovrebbero essere pensate sia in ogni quartiere per favorire aggregazione e migliorare la qualità della vita, sia in prossimità delle scuole per garantire sicurezza ai bambini che le frequentano.