Il verde pubblico, i servizi per l’infanzia e la mobilità per il nuovo PRG di Palermo

Giardini pubblici-01

I punti interrogativi nella mappa indicano situazioni di criticità rispetto all’uso di alcuni giardini pubblici: – la reale accessibilità e utilizzabilità dell’intera estensione della Favorita – l’attuale chiusura al pubblico del parco Cassarà – le difficoltà di ordine ambientale nella apertura del Parco di Acqua dei Corsari

Incontro con Vivian Celestino – ass. Wozlab

Con Vivian Celestino, del gruppo “Bambini misura di città”, abbiamo parlato del rapporto tra infanzia e territorio urbano, in vista della discussione sul Prg prevista per il 25 ottobre.

Per farci qualche esempio Vivian ci ha raccontato degli ultimi laboratori su Piazza Magione con le Terze e le Quarte dell’Istituto Comprensivo Ferrara di Palermo. Il lavoro svolto con le Terze ha riguardato la costruzione di uno schema del quartiere della scuola, procedendo con l’immaginare dei percorsi di mobilità, con la progettazione della segnaletica stradale (verticale e orizzontale) ed, infine, con attività creative di disegno, avente come soggetto la percezione degli studenti dell’ambiente. Le Quarte, invece, si sono occupate della progettazione di giochi da giardino, intesi non come i classici giochi semplicemente piantati  nel terreno, ma come se questi fossero parte integrante dello spazio verde.

Inoltre, i volontari del progetto hanno somministrato un questionario alle famiglie degli studenti, con il quale si cercava di indagare la loro percezione della qualità del territorio e la loro volontà ad impegnarsi per la vigilanza e la salvaguardia del quartiere. In realtà si tratta di un lavoro in progress, poiché verranno somministrati altri questionari e in seguito questi dovranno essere analizzati per ricavarne dei dati indicativi riguardo la tematica.

Guardando alla città nel suo insieme Vivian ci ha spiegato che in passato avevano cominciato a lavorare ad un piano per la mobilità dei bambini. L’idea era quella di coinvolgere non solo le scuole di Palermo, ma anche il Comune, dato che bisognerebbe integrare tale progetto col piano del traffico cittadino, e soprattutto con la collaborazione delle Circoscrizioni comunali.

Un’altra questione importante è quella della mancanza di spazi verdi attrezzati per i bambini e le famiglie. Infatti, Vivian ci ricorda che di recente sono stati tolti molti giochi da giardino ad esempio da Villa Trabia e Villa Sperlinga. Vi sono altri spazi verdi, come la Città dei Ragazzi, che sono poco accessibili e che hanno attrezzature poco funzionali. Forse l’unico parco che funziona veramente è il Parco Uditore.

Bisognerebbe avviare un discorso con l’amministrazione per fare una mappatura degli spazi verdi della città, ciò potrebbe essere utile ai cittadini, e in particolare alle famiglie, per orientarsi meglio nella propria città e per avere una visione d’insieme in grado di orientare un lavoro di ristrutturazione o di riorganizzazione degli spazi verdi.

Infine, sarebbe utile una mappatura degli asili nido della città per una loro riorganizzazione e un loro  riposizionamento: spesso vi è squilibrio nella loro distribuzione in città e nel numero di bambini iscritti spesso in esubero.

Le delibere delle Circoscrizioni dovrebbero avere esecutività immediata

Schermata 2014-03-26 a 09.09.36

Incontro con Fabio Teresi – Presidente V Circoscrizione – Borgo Nuovo – Uditore Passo di Rigano – Noce – Zisa.

Il presidente della V Circoscrizione Fabio Teresi ritiene che la circoscrizione svolga un ruolo importantissimo di front office nell’ascolto delle esigenze dei cittadini del territorio che nel caso della V presenta bisogni ed esigenze piuttosto variegati.

Da un punto di vista politico però le possibilità di intervento delle circoscrizioni sono molto limitate: le delibere di consiglio non hanno infatti nessun potere esecutivo, dunque spesso si perdono nel nulla. Se invece avessero esecutività immediata, le circoscrizioni non sarebbero più meri segnalatori di problemi ma potrebbero svolgere una vera e propria funzione di programmazione e orientamento degli interventi sul territorio.

Del resto sono gli organi amministrativi che più di altri conoscono le esigenze del territorio quindi avrebbero tutte le conoscenze e competenze necessarie. Potrebbero dunque fornire indicazioni utili alla programmazione degli interventi di potatura, manutenzione, etc.

I criteri da seguire nell’attuare interventi di pedonalizzazione in città

Immagine 3Intervista con Maria Giambrone e Nicola Aniello – Centro commerciale naturale Piazza Marina e dintorni.

Nell’incontro con Maria e Nicola  del Consorzio Centro Commerciale Naturale Piazza Marina e dintorni (CCN) abbiamo parlato di quali criteri andrebbero seguiti nell’attuare interventi di pedonalizzazione in città. Innanzitutto entrambi concordano nel ritenere che ogni area della città ha le sue peculiarità ed esigenze specifiche. Sicuramente in questo momento il centro della città necessita maggiore attenzione da questo punto di vista rispetto alle zone periferiche. Infatti le pedonalizzazioni potrebbero servire per valorizzare l’immenso patrimonio storico-artistico che si trova nel centro storico e accrescerne di conseguenza il potere di attrazione turistica. Degli interventi di pedonalizzazione potrebbero dunque essere attuati in maniera progressiva, partendo da alcune piazze, come piazza dei Vespri, da connettere tra loro attraverso la costituzione di percorsi pedonali, utili alla fruizione culturale all’interno dell’area. Molte delle piccole piazze sono inoltre occupate da auto di residenti e commercianti e dunque non sono funzionali al transito e utilizzo del centro da parte di cittadini di passaggio. I membri del CCN Piazza Marina si muovono da diverso tempo per promuovere una valorizzazione in questo senso del centro storico, con l’idea di farne una grande vetrina di attività commerciali ed eventi di potenziale interesse per investimenti anche della Regione, oltre che un punto di attrazione per turisti e cittadini. In generale i membri del consorzio sono dunque favorevoli agli interventi pedonali, purché venga comunque garantita l’accessibilità all’area da parte di turisti e cittadini.

Tre incontri per discutere di pedonalizzazioni a Palermo

Nell’ambito del percorso ETM Palermo e in preparazione del primo Electronic Town Meeting sulle pedonalizzazioni del 9 novembre Next – Nuove Energie X il Territorio organizza 3 “focus group” (incontri di approfondimento) sul tema.

ETM Palermo è un percorso di promozione della partecipazione dei cittadini su temi strategici per la città voluto dal Comune di Palermo.
I temi individuati (pedonalizzazioni; qualità dei servizi offerti dalle circoscrizioni e postazioni decentrate; recupero della costa; raccolta differenziata) verranno discussi attraverso il metodo dell’Electronic Town Meeting, un Forum in grado di permettere l‘interazione e la discussione, in contemporanea, di un grande numero di persone per affrontare temi di interesse pubblico e prendere posizione su politiche locali.

I primi focus in programma hanno lo scopo di conoscere il parere dei partecipanti su aspetti specifici delle pedonalizzazioni in città.

CALENDARIO E TEMI

/Pedonalizzazioni e piste ciclabili (in collaborazione con Palermo Ciclabile)
18 Ottobre ore 17.30 presso Next – via F. Parlatore 12

/Pedonalizzazioni e intermodalità del trasporto urbano (in collaborazione con Mobilita Palermo)
23 Ottobre ore 17.30 presso Next – via F. Parlatore 12

/Pedonalizzazioni e qualità della vita (in collaborazione con Società Mondello)
25 Ottobre ore 17.30 presso Mondello Palace Hotel – Viale Principe di Scalea

Poiché gli incontri sono aperti a tutti i cittadini interessati fino ad un massimo di 15 partecipanti; è necessario prenotarsi scrivendo a etm@nuovenergie.org o telefonando al 091-225971.

Gli esiti degli incontri serviranno a indirizzare la discussione di tutti i partecipanti al town meeting del 9 novembre.