Le Circoscrizioni dovrebbero fornire ai cittadini tutti i servizi necessari

Dopo le interviste a Paola Miceli e a Marco Frasca Polara, rispettivamente presidenti della I e dell’VIII Circoscrizione, continuiamo il nostro viaggio con l’intervista a Pietro Gottuso, Presidente della VII Circoscrizione.

Tommaso Natale

Al Presidente Pietro Gottuso abbiamo chiesto un’opinione a proposito dell’evoluzione del decentramento in città. Come prima cosa il presidente ha sottolineato come già la legge 22/2008 preveda che le circoscrizioni svolgano diverse funzioni, soprattutto per quanto riguarda i servizi culturali, sportivi, demografici, etc.

Di fatto se tali competenze non sono state ancora attuate è perché l’amministrazione comunale non ha ancora dotato le circoscrizioni degli appositi capitoli di bilancio nonché delle risorse umane necessarie.

Il Presidente ritiene che con l’imminente trasformazione di Palermo in città metropolitana il decentramento diventerà un’esigenza imprescindibile per la città.

Palermo diventerà infatti una città federata dove i municipi (organismi del nuovo ente) svolgeranno funzioni diverse da quelle della città metropolitana. La cessione di maggiori poteri alle circoscrizioni sarà in futuro una condizione necessaria.

Le circoscrizioni dovrebbero così diventare municipi in grado di fornire al cittadino tutti i servizi necessari, mentre l’amministrazione metropolitana dovrebbe occuparsi solo delle questioni d’interesse sovracomunale. Alla città metropolitana spetterà il solo poteredi  sostituirsi al municipio per quella e/o quelle materie di cui il municipio risultie inadeguato o inadempiente o inefficace.

Annunci

Qualità della vita (e dei servizi al cittadino) nelle circoscrizioni

Continuiamo con il report degli incontri che stiamo conducendo con i rappresentanti delle Circoscrizioni per costruire il dibattito sul tema del prossimo town meeting palermitano che, appunto, riguarderà la qualità della vita e dei servizi al cittadino nelle circoscrizioni.

Si tratta di un tema complesso e delicato che in maniera molto più capillare e specifica permetterà ai palermitani di esporre i propri bisogni, e le proprie proposte di cambiamento. Per questo vi invitiamo a seguire queste pagine e a iscrivervi (cliccando in alto o qui su “Partecipa!”) in modo da contribuire affinchè la riflessione che stiamo conducendo sia ampia di argomenti e questioni trattate.

Immagine 1

Nei giorni scorsi abbiamo incontrato Marco Frasca Polara, Presidente dell’ VIII Circoscrizione e anche con lui, così come già fatto con Paola Miceli, presidente della Circoscrizione 1, abbiamo cercato di capire meglio quali sono i compiti e i ruoli delle circoscrizioni.

A inizio incontro il Presidente Marco Frasca Polara ricorda come stando alla normativa sugli enti locali i compiti delle circoscrizione siano essenzialmente tre: consultazione, partecipazione ed erogazione di servizi di base. Per quanto riguarda la prima e la seconda funzione, si tratta di un compito svolto prevalentemente dai consiglieri che hanno il compito di raccogliere le istanze e i bisogni del territorio e trasmetterli e comunicarli all’amministrazione comunale. Per quanto riguarda l’erogazione di servizi, il Presidente sostiene che in un’ottica di decentramento questi dovrebbero sicuramente aumentare e diversificarsi. Il cittadino dovrebbe essere in grado di fruire di tutti i servizi necessari a livello di circoscrizione. Del resto sembra essere questa la direzione espressa dall’amministrazione comunale secondo gli utlimi atti d’indirizzo emanati in materia di decentramento.

Secondo il Presidente, perché questo processo si realizzi realmente, è importante che l’amministrazione metta in campo una strategia chiara di attuazione e raggiungimento di questi propositi. Oltre ciò è importante che anche i cittadini si sensibilizzino a questo tema e si facciano promotori di questo processo. Deve venire in primo luogo dalla cittadinanza la spinta ad attuare realmente questo percorso. Il modello da realizzare potrebbe essere quello dei municipi, ovvero della città nella città, già adottato nel comune di Roma.

Ampliare i servizi per una amministrazione più vicina ai cittadini

Questo è il primo di una serie di articoli con i quali riportiamo la sintesi degli incontri che stiamo promuovendo con i rappresentanti delle circoscrizioni. Si parte con la Circoscrizione I, il centro storico.

IMG_4140

Incontro con Paola Miceli – Presidente I Circoscrizione – 3/2/2014

Durante il nostro incontro Paola Miceli, Presidente della I Circoscrizione, ci ha spiegato quali sono le  routine di lavoro della circoscrizione e quali cambiamenti sarebbero auspicabili dal suo punto di vista per realizzare un effettivo deccentramento amministrativo.

La Presidente ha messo in evidenza uno dei principali vantaggi della I circoscrizione: il territorio di estensione limitata.

Il centro storico infatti ricopre un territorio molto più limitato rispetto a tutte le altre circoscrizioni della città e ciò facilita sicuramente l’amministrazione circoscrizionale nell’adempimento delle sue funzioni.

Nonostante questo però i bisogni dei residenti sono molto variegati e questa circostanza è dovuta soprattutto alla composizione eterogenea della popolazione, costituita da un’alta percentuale di immigrati.

Al momento attuale i pochi servizi amministrativi erogati dalla circoscrizione (social card, bonus casa, anagrafica etc.) funzionano piuttosto bene ma sicuramente sono insufficienti a rispondere alle esigenze dei residenti.

Perché il cittadino possa sentire di avere un’amministrazione vicina sarebbe necessario ampliare la gamma di servizi forniti, tra questi in primo luogo quelli di sostegno all’utenza immigrata.

Secondo la presidente sarebbe inoltre necessario riunire in un’unica sede i servizi rivolti ai residenti della circoscrizioni (tra cui anche un consultorio), prevedendo all’interno della sede della circoscrizione un ufficio di front office per dare all’utenza tutte le informazioni necessarie all’orientamento tra i servizi offerti.

La Presidente Miceli ritiene inoltre che per potere rispondere al meglio alle esigenze del territorio e alle richieste dei residenti sarebbero necessari i seguenti interventi:

1) una maggiore informatizzazione del sistema di ascolto della cittadinanza e dell’erogazione di servizi;

2) una minore burocratizzazione delle procedure di scambio tra cittadini, circoscrizione e uffici comunali;

3) maggiori poteri d’intervento del presidente di cirocoscrizione rispetto ai diversi interlocutori sul territorio (Polizia Municipale, Rap, Amap, etc.).

Siamo di nuovo al lavoro

ImmagineEsaurito il Town Meeting sulla riqualificazione della costa siamo ripartiti dalle Circoscrizioni, dove incontreremo i rappresentanti locali delle varie realtà municipali che quotidianamente affrontano i problemi a grande e piccola scala degli abitanti della città.

Vi invitiamo dunque a seguire con attenzione la bacheca qui a destra con il calendario dei prossimi appuntamenti e ad iscrivervi per avere news ed essere coinvolti nei prossimi eventi pubblici.