La riqualificazione possibile (gli anni ’90 e l’avvio di una nuova stagione)

OLYMPUS DIGITAL CAMERAQuesto è il quarto di quattro articoli con i quali proviamo a richiamare con grande sintesi i passaggi storici fondamentali della trasformazione della costa palermitana. (prima parte – seconda parte – terza parte)

Archeologia di una costa che non c’è più-4° parte

Con gli anni ’90 Palermo è interessata da una fase di svolta e di riqualificazione edilizia e urbanistica.

Si avvia il recupero del centro storico e la città si dota di un nuovo Piano Regolatore Generale. Vengono riqualificate aree prima abbandonate e alcuni luoghi ed edifici diventano simboli della rinascita di Palermo: la chiesa dello Spasimo, il Teatro Massimo, i cantieri culturali alla Zisa.

Questa nuova fase interessa anche la costa, generando molteplici iniziative tutte tese al recupero del rapporto compromesso con i luoghi del mare:

1) Il più rappresentativo degli interventi è sicuramente il recupero, avviato alla metà degli anni ’90, dell’area del Foro Italico, che per decenni aveva rappresentato la scena più famosa della mortificazione della costa. La realizzazione dell’attuale giardino, ha trasformato la spianata di detriti esistente fino alla fine degli anni ’80 in un luogo di grande socialità, e teatro di eventi culturali collettivi.

2) A metà degli anni ’90 il Comune di Palermo avvia il progetto per la riqualificazione dell’ex discarica di Acqua dei Corsari i cui lavori si avviano dal 2002. A oggi l’inquinamento ambientale dell’area, ancora presente nonostante le diverse operazioni di bonifica effettuate, non hanno consentito di restituire il luogo alla collettività.

3) A poche centinaia di metri dal Foro Italico viene recuperato l’ex deposito delle locomotive dell’antico collegamento ferroviario Palermo-Corleone, dismesso negli anni ’50. Anche in questo caso ci troviamo di fronte ad un luogo divenuto negli anni protagonista delle politiche culturali della città.

4) Con la redazione del Piano Regolatore del Porto si avvia, ancora, una stagione che negli intenti dell’Autorità portuale dovrà portare a ricucire le aree portuali con il tessuto della città consolidata e storica. In questa riqualificazione sistematica del waterfront assume un grande peso sociale e simbolico la realizzazione della nuova passeggiata alla Cala, oggi tra i luoghi più frequentati del fronte a mare.

5) Con un intervento di grande respiro, ma rimasto fino a oggi incompleto (con opere mai ultimate e mai inaugurate), la Provincia Regionale di Palermo avvia nel 2004 la riqualificazione del litorale Oreto-Ficarazzi con l’obiettivo di restituire dignità ai luoghi storici della balneazione, da troppi anni al centro di fenomeni di degrado, abbandono e abusivismo. Il progetto prevede nuove aree sistemate a verde capaci di collegare i luoghi significativi della costa meridionale: il deposito ferroviario Sant’Erasmo, il Solarium, lo Stand Florio, la Colonnella dell’Immacolata, il borgo della Bandita, le Fornaci di laterizi, la Torre dei Corsari e la grande fabbrica di laterizi Puleo.

6) Sulla costa Nord a partire dagli anni ’90 si sono susseguite le attenzioni per il recupero del grande complesso dell’ex Chimica Arenella, ad oggi purtroppo ancora in disuso e in abbandono, ad eccezione di alcuni padiglioni utilizzati da imprenditori privati.

7) Da segnalare, sempre sulla costa nord, il recupero e il riuso dell’antica tonnara Bordonaro a Vergine Maria. Cessata l’attività di pesca nei primi del 900 la tonnara fu utilizzata come scuola e poi abbandonata per più di trent’anni. Oggi è riaperta come luogo di socialità ed eventi culturali e nel marfaraggio ospita una delle sedi dell’ecomuseo del mare di Palermo.

A oggi il recupero della costa palermitana è solo in piccola parte realizzato, mentre molte aree versano ancora in un grave stato di abbandono e degrado.

 

Per un approfondimento:

Chirco A., Lo Dico D. (2007), In tempo di bagni. Stabilimenti balneari e circoli nautici a Palermo, Kalòs, Palermo

De Seta C., Di Mauro L. (1981), Palermo, Laterza, Bari

Inzerillo S.M. (1984), Urbanistica e società negli ultimi duecento anni a Palermo, Istituto di urbanistica e pianificazione, Palermo

Lima A.I. (1997), Palermo. Struttura e dinamiche, Testo e immagine, Torino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...